HOME
  • 1-cerchio
  • 2-krsna
  • 3-Nainsukh
  • 4-loto960x300
  • 5-paesaggio1
  • 6-paesaggio2
  • 7-loto960x300b

     home img-200

ultime News Show

ultime News Show

pic2 big

28 settembre 2017

Buongiorno Lorenzo.
Pensavo proprio ieri di concentrarmi su 3-4 Raga:
Ahir Bhairaw, Asawari il mattino;
Bupali il pomeriggio;
Generalmente faccio scale e salti, e not elunghe, poi improvviso un po'.
Mi piace molto S, R, g, m, P, D, N, S. Qualche volta a scendere ci metto n, d. Non so cos'è.
Ultimamente studio meno, ho altre cose che mi distraggono, comunque ho intenzione di riprendere con i seminari.
Sono quasi 3 anni che studio. Il tempo passa veloce!
Ci vediamo a Milano. Il vintage lo provo ancora, invecchiato e il potenziometro del tempo.
Ciao.
Giacomo B.

 

suonatrici b

Settembre 2017

Salve, ho incontrato per caso il sito. Non ho mai suonato il flauto ma il bansuri mi affascina particolarmente e vorrei chiederle quanto costerebbe uno giusto per cominciare? (se quelli che ho visto in foto sono in vendita)

Grazie mille

Piacere conoscerti di dove sei...??

prendi questo è ottimo li faccio io

https://www.youtube.com/watch? v = 5I6b0l6CVUI & feature = youtu.be

hai esperienza con altri strumenti ?

ciao grazie

Sono di Messina..mi piace in generale la musica, cercare un po' qua e la ma non ho una particolare esperienza con strumenti.. ascoltando dei brani di Hariprasad Chaurasia, il suono del bansuri (anche delle tabla) mi ha colpito molto..se non c’è una grossa spesa mi piacerebbe provare, magari trovo qualcosa..

va bene 50 posta inclusa ??

Ciao

Confesso che per questo, che è tra i più piccoli da quanto ho capito, costasse un po' di meno.. però va bene..paypal per il pagamento ?

il la che ti mando è ottimo

garantito

se è molto piccolo ti stanca le orecchie

guardati il video in do sentirai la differenza

si pay pal questo è l'indirizzo 

attendo tue ciao

Salve, appena inviato il pagamento !

Lascio anche qui il mio indirizzo

...

ok grazie, anche per il video così avrò degli esercizi da fare! un ultima cosa se possibile, consigli su qualcosa da ascoltare ?

ascolta Hari Prasad Chaurasiaè il migliore

ti mando un La domattina

se pensi di venire a Piacenza il 20 21 22 fammi sapere altrimenti ti do il mio pay pal ciao a presto

L.

pagamento ricevuto

domani spedisco grazie ciao

è già arrivato, grazie mille. Se potesse darmi qualche consiglio sull’impostazione per il soffio.. grazie ancora a presto !

albero7

 20 agosto 2015

Tutti eravamo molto attaccati a lui, e anche ora che sono 21 anni che se n'è andato, è sempre nei nostri pensieri e nel nostro cuore come un fratello (di noi allievi).

Con il Bansuri, ho sperimentato qualche volta il passaggio ad una dimensione diversa, una totale immersione nella musica. E' durato pochi secondi, anche perchè non ho voluto prolungare l'esperienza.
Poi dedicandomi di più alla tecnica, non ho più sperimentato questa sensazione, ma mi accorgo a volte di esser emolto concentrato, e quando riapro gli occhi devo un attimo riabituarmi a quello che ho intorno.
Qualche giorno fa è entrata la moglie nella stanza dove pratico, e non mi sono nemmeno accorto. L'ho sentita e poi vista quando apriva un cassetto a 20 cm da me.
Questa musica, ha tante componenti: Tecniche, religiose, magiche, per tutto questo è bella e interessante.
Il sacro è un grande mistero, la pratica forse può farci dare uno sguardo, farci intuire qualcosa, come dicono tanti grandi musicisti.
Siamo una piccola molecola infinitesimale di questa grandezza misteriosa che ci circonda. A volte è difficle trovare le motivazioni per andare avanti, sopratutto quando si è affaticati.
Ma siamo qui, dobbiamo seguire la nostra Via, con forza e determinazione. Questa è la cosa fondamentale. Questo è l'insegnamento più importante che ho ricevuto dal mio Maestro di arti marziali.
GLi antichi maestri di arti marziali dicevano di andare per strada "come un grosso macigno". La musica indiana forse ci insegna una maggiore leggerezza, forse si può dire di andare per strada come un ruscello, dalla montagna al mare.
Ciao Lorenzo, sono felice di averti conosciuto e di poter essere un tuo allievo. Senza una guida sicura è impossibile affrontare questa pratica.
Ciao, grazie.


Il 18/08/2015 20:29, Lorenzo Squillari ha scritto:
hai ragione, a volte scendo e salgo come il galleggiante da pesca

eccoti il saregam in bairavi più famoso di baba Allaudin Khan

inizia dal kali prima ottava sa tempo 60 tutto sempre kommal solo mattina

Astahi
9 //: SdPd / mPgm /+ nd--r / -- gmP / rS--r / Sndn ottava bassa/ ( +Sg--m / d--nS / ggrs /seconda ottava )
ndPm /+gmnd /Pmgr ;//

Antara quasi tutto in seconda ottava

9 //: Sg--m / d--nS /+ ggrs /nsgm / Pg--m /grSn / +d--nS /nd--n /dPmg / mndn / +dPmg / mgrS ://

 04 dicembre 2015 

" Grazie di cuore Lorenzo! Per ora ho un sol e sto allenando le dita ai fori distanti, piano piano miglioro sempre di piu, il suono e meraviglioso da innamorarsi.
Spero di incontrarti a Bologna nel nuovo anno e poter proseguire con lo studio dello strumento che sembra dolcemente cambiare anche la mia anima..
Un grande abbraccio "

tappeto01aCari amici eccovi un bellissimo articolo del professor George  Ruckert.
Si tratta di un'accurata descrizione del mio maestro Usatad Ali Akbar Khan.
spiega molte cose sulla sua scuola e metodo d'insegnamento e come vi è arrivato il materiale e le composizioni che studiamo assieme.
Con la speranza di farvi cosa gradita vi saluto .

Lorenzo

http://sitardivin.globat.com/seminar2013/023GerogeRuckert.pdf

 

EDUCAZIONE E MUSICA - di ALI AKBAR KHAN

9e679bcaLa musica del Nord dell’India è una musica molto, molto antica. Risale a >milioni e milioni di anni fa, quando fu creato l’Universo. Sono migliaia e migliaia di anni che è diventata popolare ed è conosciuta ovunque. Non è solo la musica Indiana, ma è la musica dell’Universo. Il linguaggio di Dio.

Questo tipo di musica non è affatto musica nata per l’intrattenimento, anche se, naturalmente, può essere utilizzata in molti modi. Questa musica è un vero e proprio nutrimento per la mente e per il cervello, per il cuore e per l’anima. Attraverso di essa tu potrai amare i tuoi amici, i vicini di casa, la tua famiglia e tutte le cose e le creature del mondo.

Se i bambini cominciano ad ascoltare questa musica quando ancora sono nel grembo materno, in essi si svilupperanno pace e armonia e anche le funzioni cerebrali. Nei tempi passati non c’erano molte comodità come registratori, cassette o filmati, ma oggi è molto facile trovare riproduzioni, dischi e anche registratori per poter suonare buona musica per i bambini, durante i loro giochi o mentre si preparano per andare dormire. Non c’è bisogno di dire loro che devono ascoltare: osserva solamente l’effetto che questa musica avrà su di loro.

Nel passato, in tempi molto lontani, attraverso la musica e attraverso i Raga, i dottori curavano la gente. Ancora fino a 200 anni fa un dottore sarebbe venuto presso il malato a visitarlo, toccarlo, prendere il polso e fare una diagnosi, per poi curare il paziente, non con prodotti chimici, ma con tisane a base di erbe e cantando e suonando musica. E il malato avrebbe ascoltato; nessuna operazione sarebbe più stata necessaria. Il suono di questa musica curava veramente.

Questo tipo di musica utilizza dodici note (naturali, diesis o aumentate, bemolle o diminuite) combinate con 22 microtoni. Vi sono delle melodie specifiche per le ore della giornata, come i raga del mattino, del pomeriggio della sera o della tarda notte. La musica è basata sul ciclo delle 24 ore. Per esempio non canterai alla sera una melodia del mattino.

La musica è una meditazione. Io credo che sia la via più facile per incontrare Dio. Molte persone fanno uso di droghe o alcool, ma se tu impari la via corretta ti saranno necessari solo pochi istanti per entrare in uno stato di meditazione.

I toni del raga cambiano seguendo il movimento dalla terra, ma anche in relazione alla tua mente, al corpo e all’anima. Ogni ora e ogni giorno la musica cambia; ogni minuto e ogni secondo il ritmo cambia. Anche quando tu stesso ascolti o canti una melodia per una o due ore, essa è in continua trasformazione. Il cambiamento è continuo e ti porta lontano, sempre più lontano. Cambia il ritmo, cambia anche la melodia.

L’intera struttura evolve nel corso delle 24 ore. Vi sono anche molti raga per le diverse stagioni. In India noi abbiamo sei stagioni: Grishya (estate calda), Garsa (i monsoni); Shrata (un periodo di transizione), Hemantha (autunno), Sheetha (inverno) e Basanta (primavera). Un raga deve avere almeno cinque, sei o sette note. Inoltre vi sono scale ascendenti e scale discendenti. La melodia è contenuta all’interno del raga. La tua anima entra in risonanza con questa melodia e risponde. Il tala è il ciclo ritmico, l’ornamento. Ci sono 360 differenti ritmi. Il ritmo del tuo corpo risuona con il tala. Tutti i ritmi derivano dai tuoi nervi. La musica è suono e quando tu vuoi vuoi fare musica non devi esercitare i tuoi occhi, ma le tue orecchie. Ed è per questo motivo che se tu cominci con i bambini mettendo davanti ai loro occhi le note

scritte, loro prenderanno la cosa “a rovescio”, la rifiuteranno e il tuo intento sarà compromesso. Per questo io non penso che sia una buona idea mettere davanti agli occhi dei bambini delle note musicali scritte.

Un insegnante può invece fare molto di più, può prendere una tazza e degli oggetti metallici e produrre con questi alcune note. Può suonare delle note per i bambini e dire loro: “bene e ora prendi questa nota”.

Io cominciai a studiare musica all’età di tre anni. Mio padre non mi ha mai realmente forzato a sedermi e prendere uno strumento. Ma forse per un minuto o forse solo per pochi secondi egli suonava una nota e diceva: “Bene, ora dimmi questo, di’ questa parola, fai un suono come questo”. Quando i bambini hanno solo tre anni tu devi osservarli per un momento, catturare la loro attenzione magari solamente pochi secondi, ma ogni giorno devi fare questo. Quando crescono, a cinque o sette anni, potrai farli cantare o suonare per cinque o dieci minuti, ma non far loro scrivere nulla. Canteranno e ti seguiranno e poi suoneranno quello che vogliono, senza nessuna imposizione.

Come per il cibo, essi sentiranno fame e desiderio della musica. La musica è come il cibo: ogni volta che senti fame, vai in cucina a cercare qualcosa da mangiare. Ogni volta che lo desideri devi ascoltare della musica. Se i genitori desiderano che il bambino diventi un musicista, il modo migliore è quello di cercare un maestro per almeno 10-12 anni. Il bambino potrà provare diversi strumenti mentre è ancora giovane e poi sceglierà, o il suo maestro potrà scegliere per lui, se è un buon maestro. La musica può portare infinite cose di grande utilità.

Esattamente come qualcuno che voglia diventare un buon ingegnere o un dottore. Vi sono moltissimi ritmi che daranno una grande gioia, così i bambini potranno studiare con gioia, e non con l’atteggiamento coercitivo tipo: “devi farlo”. In questo modo acquisiranno forza ed energia.

Molte persone tuttavia non riescono a pensare alla musica e alla melodia in questo modo e preferiscono altri tipi di strutture musicali come le percussioni o la danza.

Dunque in un certo modo i genitori possono decidere che tipo di bambino desiderano, anche prima che la donna rimanga incinta. Il giorno del concepimento è un giorno particolarmente importante. Tutto quello che la madre farà nei successivi dodici mesi influenzerà il bambino; sarà come se il bambino ricevesse delle immagini. Non saràsolo la musica che lo influenzerà; ma quando lei parlerà con gli amici o con suo marito o quando lei guarderà dei quadri nella sua casa, tutto influenzerà e nutrirà il bambino”. (Tratto da un’intervista con Jean Millay)

 

mandala16aQuanta pazienza che hai con noi, Lorenzo! Forse lo sai,ci suoni nel
cuore e noi tendiamo l'orecchio  al suono del Bansuri, ci lasciamo
rapire senza fare domande perchè il richiamo si sente o non si sente...e
quando c'è e si fa sentire si risponde a basta. Tu sei lì, seduto a
terra che suoni e trasmetti il richiamo, ci insegni.
Il suono è vivo e va dove deve, dove sa.Un'onda. E noi bansuristi
andiamo e veniamo...restiamo...torniamo. Grazie, il tuo suono è vivo e
prezioso. Sarà il caso che io corra presto ad ascoltare!!!!

12 marzo 2015 - Risposta

cari allievi :

non sono io ma  bensì 

i raga che ci ha trasmesso il mio maestro 

secoli di esperienze musicali 

tramandate da molto lontano

buona pratica

46fdd76-- devo dire la ricchezza della produzione artistica occidentale ha veramente del prodigioso, e ritengo che essa vada studiata e coltivata anche per una ragione puramente ecologica: nei nuovi equilibri della globalizzazione infatti noi occidentali non siamo più i "forti" di un tempo, ma stiamo diventando la specie a rischio di estinzione, e così la nostra cultura. Ogni tanto però mi piace ascoltare musica classica indiana, anche perchè trovo che sia l'unca musica extraeuropea che si avvicina come livello di raffinatezza e cultura ai nostri Mozart e compagni. Qualche volta mi lancio addirittura in goffi tentativi di alap, e mi capita nei momenti in cui magari sono frastornato dalla lettura di tante musiche e sento il bisogno di rimettere a posto l'intonazione e il senso del suono.

Discografia Consigliata :

Hariprasad Chaurasia ha una discografia sterminata. Ho fatto una piccola cernita dei suoi lavori ma chi fosse interessato all’intera opera del maestro la potrà trovare comodamente nel Web.

1968 The Call of the Valley EMI

1970 Flute Recital EMI

1981 Flute Fantasy His Masters’s Voice

1985 Fabulous Flute Of Hariprasad Chaurasia Chhanda Dhara

1987

Rag Bhimpalasi

Nimbus

1987

Rag Ahir Bhairav/Marriage Song

Nimbus

1988

Flute Concert

Ravi Shankar Music Circle

1989

Music of India

Rykodisc

1989

Rāg Lalit

Nimbus / Nimbus Records

1989

Rag Kaunsi Kanhra

Nimbus

1989

Indian Night Live, Stuttgart '88: Raga Malkauns

Chhanda Dhara

1990

Venu

Rykodisc

1990

Flutist

Chhanda Dhara

1989

Indian Night Live, Stuttgart '88: Raga Malkauns

Chhanda Dhara

1990

Venu

Rykodisc

1990

Flutist

Chhanda Dhara

1993

Dancing Waters

Living Media India / Music Today

1993

Moonlight Moods

Venus

1993

Live at Shivaji Park, Bombay

Navras Records

1993

Raga Jait

Navras Records

1993

Soundscapes: Music of the Rivers

Music Today

1993

Sounds of Silence

EMI Music Distribution

1993

Raga Darbari Kanada/Dhun in Raga Mishra Pilu

 

1994

Daylight Ragas

Chhanda Dhara

1994

Music Today Presents, Vol. 1

Music Today

1994

Music of the Rivers, Vol. 1

Music Today

1994

Megh Malhar, Vol. 3

Music Today

1994

Flute

Music Today

1994

Bansuri Virtuoso

World Music Library

1995

Flying Beyond: Improvisations on Bamboo Flute

Eternal

1995

The Mystical Flute of Hari Prasad Chaurasia

Oriental

1995

Call of the Valley

Saregama / Blue Note

1996

The Elements: Wind

Music Today

 

1 A quanti anni hai cominciato a suonare ? quante ore studiavi al giorno?
Non ricordo di preciso ma iniziai presto Il primo concerto lo feci a quattordici anni. Cominciai a studiare tanto quando andai a Cuttack, Orissa, dove lavorai alla “All India Radio” nel 1954. Avevo 19 anni circa. Facevo l’accompagnatore di grandi musicisti nei loro concerti. Suonavo dalle 12 alle14 ore al giorno. Poi mi lasciai la radio e girai ovunque con i grandi musicisti. L'unica cosa che volevo era padroneggiare l'arte, anzi, era una volontà divina.

2 La tua famiglia non era di musicisti ti hanno aiutato nella tua scelta di diventare flautista ?
La mia famiglia non mi incoraggiavano a suonare il flauto in quel periodo non era facile guadagnarsi da mangiare. Iniziai ad imparare la musica vocale hindostana dal mio vicino di casa Pandit Rajaram. Egli mi incoraggiò moltissimo, riconobbe il mio talento. Quando ti dai alla dea della musica e lei ti aiuta tutto viene da se. Suonando tu dentro sei felice, fuori sei forte il mondo intorno a te riflette la tua gioia e la tua vita è bella.

3 Quando hai pensato di diventare un flautista professionista? 
Sto ancora combattendo per ottenere il massimo. Devi ascoltare i grandi maestri, devi avere una grande sensibilità musicale, praticare duramente, ricercare ed usare l'immaginazione. Sto sempre imparando. Non mi ritengo ancora un professionista non ho un prezzario.

4 Perché hai scelto proprio il Bansuri e non il sitar o le tabla?
All’inizio perché costava poco, è più musicale ed è lo strumento di Krshna, si può trasportare facilmente è lo strumento più vicino alla natura. Lo avevo ascoltato dal vivo il grande maestro Pandit Bholanath di Benares. Immediatamente mi abbandonai a lui e divenni suo discepolo.

5 Sei impegnato anche nella didattica come trovi le giovani generazioni? 
Le generazioni hanno più talento ma non hanno la pazienza di andare avanti a studiare hanno troppe distrazioni e desiderano subito il successo e la fama.

6 Chi ti ha maggiormente ispirato?
L’ascolto dei grandi maestri è stata la mia maggiore ispirazione. Il Signore Krishna mi ispirò a suonare il flauto. Lui tuttavia è sempre qui che mi guida.

7 Sei considerato l'ambasciatore della musica classica indiana nel mondo trovi che si possa trovare un punto d'incontro tra la musica indiana e la musica europea ? o appartenendo a due culture diverse pensi che debbano rimanere separate?
Sono uguali abbiamo tutti due braccia un naso. Di questa musica nuova fusion è come un temporale passa rapidamente quello che rimane è la musica classica. Nella musica classica gli elementi sole la luna esistono da sempre. In Europa avete i famosi compositori Bach, Mozart, Beethoven la musica classica indiana non è così noi impariamo dai nostri maestri ma poi quando si suona si crea un’identità personale si mette la propria essenza creando una cosa completamente unica (non come se i fratelli avessero tutti la stessa faccia) ognuno diventa compositore nelle rispetto delle regole del raga.

8 Che consiglio daresti ad un giovane che si avvicina allo studio del Bansuri? 
Di trovare un bravo insegnante non uno che vuole un sacco di soldi e dopo un’ora ti manda via, un insegnante che ti voglia bene e che ti adotti come io faccio con voi. Poi lo studente deve capire se la musica è la cosa che vuole fare veramente. Se è si di dedicarsi interamente al flauto dimenticando il mondo. Poi essere sincero e tutto il resto verrà da solo.

9 Hai una discografia vasta se dovessi consigliare un tuo cd quale consiglieresti (anche più di uno)?
E’ come avere molti figli, sceglierne uno non è possibile.

10 Come mai a giudicare dalle copertine dei suoi cd suona sempre Bansuri diversi ? 
E’ come avere diversi vestiti adatti ad ogni circostanza. Quando si crepano i Bansuri non si possono riparare, spesso quello preferito si crepa e non puoi farci niente.

11 Dove hai conosciuto il suo amico d’infanzia Osho?
Andavamo entrambi a pregare al tempio di un eccentrico prete Baba. Lui non sapeva chi sarebbe diventato da grande e neanche io sapevo quanto lui sarebbe diventato importante.

12 Come riesce a viaggiare e fare così tanti concerti dove trova la forza?
Il flauto è uno strumento che più lo suoni più ti dà forza è come gli esercizi di respirazione yoga. La musica unita alle persone che mi amano tanto mi fanno sentire come un re e questo mi da la una forza notevole.

23 - Contatto c…

Settembre 2017 Salve, ho incontrato per caso il sito. Non ho mai suonato il flauto ma...

22 - Lettera

28 settembre 2017 Buongiorno Lorenzo.Pensavo proprio ieri di concentrarmi su 3-4 Raga:Ahir Bhairaw, Asawari il mattino;Bupali...

21 - Lettera

Cari amici eccovi un bellissimo articolo del professor George  Ruckert.Si tratta di un'accurata descrizione del...

20 - Lettera

 04 dicembre 2015  " Grazie di cuore Lorenzo! Per ora ho un sol e sto allenando...

19 - Lettera

 20 agosto 2015 Tutti eravamo molto attaccati a lui, e anche ora che sono 21 anni...

18 - Educazione…

EDUCAZIONE E MUSICA - di ALI AKBAR KHAN La musica del Nord dell’India è una musica...

17 - Saggio ban…

22/05/2014 - Saggio di bansuri al conservatorio Pedrollo di Vicenza, maestro Lorenzo Squillari

16 - Lettera

-- devo dire la ricchezza della produzione artistica occidentale ha veramente del prodigioso, e ritengo...

15 - Lettera

Quanta pazienza che hai con noi, Lorenzo! Forse lo sai,ci suoni nelcuore e noi tendiamo...

14 - Discografi…

Discografia Consigliata : Hariprasad Chaurasia ha una discografia sterminata. Ho fatto una piccola cernita dei suoi...

13 - Altra inte…

1 A quanti anni hai cominciato a suonare ? quante ore studiavi al giorno?Non ricordo...

12- Nuova

28 settembre 2014 09:53 Caro Lorenzo,siamo arrivati a casa alle 4, di dormire non se ne...

11 - Lettere 3

10 agosto 2014Buon giorno maestro Squillari,la prego di scusare questa comunicazione non sollecitata in periodo...

10 - Saggio ban…

09/05/2014 -Saggio di bansuri al conservatorio Pedrollo di Vicenza, maestro Lorenzo Squillari 

09 - Intervista…

  02/03/2014 - Leggi l'intervista a Lorenzo Squillari di Federica Delucchi

08 - Lettera

01/03/2014 - Il flauto mi è arrivato ieri mattina, STUPENDO! Già solo facendo note lunghe entro in...

07 - Semplice l…

12/02/2014 - Ho 17 anni e da qualche mese vorrei ottenere un flauto in bamboo, ho...

06 - Intervista…

11/12/2013 - Leggi l'Intervista a Igor Orifici di Gianfranco Gavianu

03 - Magie dell…

   21/11/2013

01 - Yurta

YURTA 20/09/2013 Vai alla breve SLIDE

05 - Nuova 2

03/12/2013 - Ho visto i 7 minuti che hai messo sul sito e ti faccio i...

04 - Nuova1

03/12/2013 - Ciao Lorenzo, il rapporto col bansuri è un misto di fascino e conflitto. Lo suono...

02 - Bansuri a…

27/09/2013 - Tienimi comunque aggiornata appena definisci il luogo!Io ho "suonicchiato" un po' in questo periodo...